Connect with us

Netflix

Dave Chappelle si rifiuta di avere il suo nome nel teatro del liceo dopo il contraccolpo

Dave Chappelle si rifiuta di avere il suo nome nel teatro del liceo dopo il contraccolpo

Dave Chappelle ha rifiutato che un nuovo teatro nel suo liceo prendesse il suo nome in seguito al contraccolpo degli studenti al suo controverso speciale comico Netflix, Il più vicino.

Lunedì (20 giugno), è stato inizialmente riferito che l’alma mater del comico 48enne Duke Ellington High avrebbe intitolato a lui il suo nuovo teatro.

Tuttavia, durante una cerimonia di inaugurazione per la sede più tardi quel giorno, il comico ha annunciato che non avrebbe messo il suo nome sull’edificio. Si chiamerà invece Teatro per la Libertà e l’Espressione Artistica.

Nel novembre dello scorso anno, il liceo di Chappelle ha dovuto posticipare la sua prevista apparizione a una raccolta fondi per le minacce di uno studente che se ne andava.

La Duke Ellington School of the Arts di Georgetown ha detto che gli studenti erano a disagio con le osservazioni di Chappelle sulle persone transgender in Il più vicino.

Secondo Il Washington PostChappelle lunedì ha parlato al pubblico di come pensa che il suo lavoro sia stato analizzato.

“Ho visto sul giornale che un uomo vestito da donna ha lanciato una torta alla Gioconda e ha cercato di deturparla. E mi ha fatto ridere e ho pensato: ‘È come Il più vicino,'”, ha detto, sostenendo che il suo speciale Netflix è stato descritto ingiustamente dalla stampa.

“Non puoi fare un resoconto sul lavoro di un artista e rimuovere le sfumature artistiche”, ha detto.

(Getty Images)

Chappelle ha rivelato di aver deciso di non avere il suo nome sulla scuola durante il fine settimana, ma ha aggiunto: “La famiglia Ellington è la mia famiglia”.

Ha detto che non voleva che nessuno studente vedesse il suo nome sull’edificio e si sentisse male. “L’idea che il mio nome sarà trasformato in uno strumento della percepita oppressione di qualcun altro è insostenibile per me”, ha detto.

L’anno scorso, dopo che gli studenti della Duke Ellington High hanno criticato Chappelle, ha risposto facendo luce sulla situazione in uno spettacolo a Indianapolis, dicendo che “non può nemmeno raccogliere fondi per i bambini”.

Secondo La stella di Indianapolisha aggiunto: “Stanno cancellando cose che non volevo nemmeno fare”.

La scuola aveva inizialmente pianificato di annullare la raccolta fondi, ma il comico è stato un grande sostenitore della scuola nel corso degli anni, donando $ 100.000 e assegnandogli uno dei suoi Emmy Awards nel 2017.

In una dichiarazione sul suo sito web, la scuola ha scritto: “In qualità di istituto di apprendimento che difende l’inclusività, la diversità, l’equità e l’appartenenza, ci preoccupiamo profondamente di proteggere il benessere e la dignità di ogni membro del nostro corpo studentesco, della nostra facoltà e della nostra comunità.

“Riteniamo inoltre che andare avanti con l’evento, originariamente previsto per il 23 novembre 2021, senza prima affrontare le domande e le preoccupazioni dei membri della comunità di Ellington, sarebbe un’occasione persa per un momento di insegnamento”.

Nel suo speciale comico, Chappelle si è dichiarato “team TERF” (che sta per femminista radicale trans-esclusivo) e ha fatto una serie di battute che molti hanno considerato “transfobiche”.

In un video pubblicato su Instagram, Chappelle ha poi affrontato le critiche e raddoppiato la sua posizione: “Per la comunità transgender, sono più che disposto a darti un pubblico, ma non mi chiamerai. Non mi piego alle richieste di nessuno”.

Ha continuato dicendo: “E se vuoi incontrarmi, sono più che disposto a farlo, ma ho alcune condizioni. Prima di tutto, non puoi venire se non hai seguito il mio speciale dall’inizio alla fine. Devi venire in un posto a mia scelta in un momento a mia scelta e, in terzo luogo, devi ammettere che Hannah Gadsby non è divertente.

L’osservazione diretta a Gadsby è una risposta alle recenti critiche del comico a Chappelle e Netflix per aver mandato in onda lo speciale che ha etichettato come “incitamento all’odio”.