Connect with us

Notizie ​Film

Il CEO di Illumination difende il casting di Chris Pratt per il ruolo di Mario: “Adoro la sua performance”

Il CEO di Illumination difende il casting di Chris Pratt per il ruolo di Mario: “Adoro la sua performance”

Nella nuova intervista, Meledandri ha spiegato che Pratt è stato scelto per interpretare Mario per un motivo molto semplice, essendo lui, Illumination e Nintendo che pensavano che avrebbe potuto portare “una grande performance” sullo schermo.

“Amo [Pratt’s] performance come Mario”, ha continuato. “Penso che andrà tutto bene. Soprattutto perché ha dato una prestazione così forte”.

Il produttore aveva precedentemente detto all’outlet online TooFab che il caratteristico accento italiano del personaggio sarà uno scherzo autoreferenziale all’interno del film. Questa è una scelta piuttosto audace dato che nel film apparirà anche il doppiatore di Mario di lunga data Charles Martinet, che ha contribuito a creare quell’accento caratteristico in primo luogo.

Ma se temeva che questo casting fosse una discriminazione anti-italiana, Meledandri la pensa diversamente. Ha spiegato che, data la sua eredità italiana, credeva di “potere prendere quella decisione senza preoccuparsi di offendere italiani o italoamericani”. Anche se non sono del tutto sicuro se le persone fossero davvero serie o se stessero scherzando sulla mancanza di eredità italiana di Pratt, almeno il cuore di Meledandri è nel posto giusto.

L’ancora senza titolo “Super Mario Bros.” Il film doveva essere originariamente distribuito il 21 dicembre 2022, ma è stato posticipato al 7 aprile 2023 in Nord America. Sembra che dovremo aspettare ancora un po’ prima di ascoltare la performance magistrale che è stata promessa.