Connect with us

Notizie sugli attori

Rutherford Falls: ohnotheydidnt — LiveJournal

Rutherford Falls: ohnotheydidnt — LiveJournal

Ed Helms e Jana Schmieding sulla storia d’amore platonica dei loro personaggi

Jana Schmieding: L’amicizia tra Reagan e Nathan è eterna. È abbastanza forte da sopravvivere alla crisi di identità di Nathan. Mostriamo Nathan che affronta il suo privilegio bianco e cerca di decentrarsi e, naturalmente, lo sta facendo in modo goffo. Quindi ci sono state molte belle battute su di lui come un fantasma bianco che infestava il centro culturale. Torna nella sua città natale e trova una casa nella sua amicizia con lei, e stiamo preparando il suo viaggio per questa stagione: come ristabilire le radici in un posto che non è il tuo? Che è un commento sovversivo allo stesso modo in cui abbiamo fatto con la prima stagione prendendo la terra di Nathan e facendoglielo vivere alle condizioni di Minishonka. Stiamo posizionando Nathan in questa stagione per sperimentare com’è avere la propria storia e identità decentrate nella narrativa nazionale, in modi divertenti!

Ed Helms: I bianchi hanno avuto una buona corsa per molto tempo, e mi sto davvero godendo la sfida di mettere in discussione il modo in cui i maschi bianchi navigano nel mondo e le cose che penso che i maschi bianchi abbiano dato per scontate. È una zona fertile! È pieno di domande. È pieno di incertezza. È teso. Sembra creativamente insidioso, in senso positivo.

È raro vedere uno spettacolo imperniato sulla relazione tra un uomo e una donna che frequentano il sesso dell’altro ma non si perseguono mai sentimentalmente. Puoi camminare attraverso lo sviluppo della loro storia d’amore platonica?

Schmieding: Ho avuto molte amicizie con uomini non nativi e uomini eterosessuali. Raramente gli viene dato spazio in TV, ma quell’esperienza è molto più comune di quanto siamo portati a credere. E sono vecchi amici; sono come fratelli! Abbiamo un termine in Lakota chiamato “tiyospaye”, che è famiglia allargata e che include amici intimi. È una comunità di famiglia. Reagan e Nathan hanno quel tipo di dinamica.

Helms: Ci piace scherzare sul fatto che sia una relazione tra un uomo e una donna. Volevamo che la relazione centrale esplorasse diverse esperienze di genere, ma anche che fosse incondizionatamente solidale e amorevole. I loro precedenti come uomo bianco e donna nativa americana sono una parte enorme della loro esistenza e colora molto di ciò che capiscono l’uno dell’altro e di ciò che non capiscono l’uno dell’altro. Entrambi affrontano momenti di comportamento piuttosto antipatico e adoro vedere due personaggi così diversi poiché sono così impegnati l’uno con l’altro.

Revisione THR di S2

Come sempre, l’umorismo di Rutherford Falls è più ironico che sconvolgente, questa volta con un dramma emotivamente ancora meno esplosivo per far perdere la rotta. E lo spettacolo non ha perso il suo talento per bilanciare la commedia dal cuore grande con un commento culturale incisivo. Una delle puntate più brillanti di questa stagione manda Terry e Reagan a prestare servizio come consulenti culturali in un successo in stile Yellowstone chiamato Adirondack, con entusiasmo del primo e scetticismo del secondo. (“Questo è il luogo in cui Adam Beach muore nei primi dieci minuti di ogni film”, borbotta Regan mentre attraversano il backlot.)

Rutherford Falls trasuda calore, ma il suo ottimismo è temperato dalla cautela; la fede dello spettacolo non è nelle tradizioni che hanno deluso questi personaggi per così tanto tempo, ma nei loro sforzi per aggirarli o per inventarne di nuovi completamente. La campagna di Bobbie è annunciata come una boccata d’aria fresca, anche se è sostenuta da Terry (e anche se il fan di Parks & Rec in me non può fare a meno di chiedersi se sono diretti verso un disastro in stile Ice Town). La trama dell’assegnazione della terra di Reagan tocca l’ingiustizia della priorità data alle coppie sposate con figli, ma la ispira anche a immaginare un nuovo modo di vivere per le donne senza figli come lei. Anche il capitalista impegnato Terry si ritrova ad ammettere, in questa stagione, che ci sono cose più importanti del denaro. Con la lotta per Big Larry saldamente in secondo piano, Rutherford Falls e Rutherford Falls, il viaggio verso un futuro più luminoso è appena iniziato.

Vogue: come lo spettacolo continua a sostenere lo stile e gli artisti indigeni

“Quando si tratta di gioielli, noi [Native people] compra da qualsiasi parte: ho orecchini Inuit, Mohawk, Navajo e Parfleche, quindi volevo che Reagan mostrasse quella diversità nei suoi accessori.

L’approvvigionamento di tutti i nuovi gioielli per lo spettacolo si è rivelata un’intera avventura. “In primo luogo, ho creato un grande foglio di calcolo di tutti i designer e beaders da cui pensavo dovessimo acquistare lavori, assicurandomi di avere artisti di tutte le regioni”, afferma Schmieding. Poi, l’ha confrontata con la co-creatrice e showrunner Sierra Teller Ornelas, e il reparto costumi ha iniziato a contattare direttamente gli artisti. “Alexis Jack [the assistant costume designer] è tornato da me e mi ha detto: ‘Sto attraversando un periodo davvero difficile, perché molti artisti hanno solo ‘gocce’ e ‘lotte’.’ Doveva impostare una sveglia [for pieces,]” ride Schmieding. “È stato davvero divertente esporre questa adorabile donna bianca al mondo spietato dell’acquisizione di gioielli Native. L’ho data in pasto un po’ ai lupi!”

Per Schmieding, mettere in luce i gioielli nativi nello show ha un significato più profondo del semplice accessorio, però. Condivide che ha sempre avuto una relazione controversa con la moda, ma i gioielli sono sempre stati il ​​suo amore principale. “I gioielli sono qualcosa che chiunque può indossare”, dice. “La mia esposizione alla moda è stata molto limitata durante la mia vita adulta, perché indosso quelle che sono considerate ‘taglie estese’ o ‘taglie forti’. Per qualche motivo, i designer non realizzano vestiti per donne con grandi tette e culo grosso”. Mentre indossa etichette di abbigliamento indigene nello show come Jamie Okuma, dice che i gioielli le danno davvero la libertà di sperimentare e divertirsi con lo stile. “Spero che il design della moda Native possa presto muoversi in una direzione verso il dimensionamento inclusivo, perché ti prometto che ti faremo [all] ricco”, dice.

1 2 3 4